.
Annunci online

 
marla 
seize the day
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Kurtz
...
Sogni e bisogni
vulcanochimico
Dawor
la scrittura creativa
Unonessunocentomila
Giulia
Specchio
Aegaion
Anniehall
bluewitch
bluelektra
irlanda
akiko
istericaquantobasta
ferdinando
lazzaro blu
  cerca

Schegge di una realtà possibile...


 

Diario |
 
Diario
1visite.

18 dicembre 2006

QUANDO I GATTI METTONO PAURA

“C’è qualcuno sulla scala” mormorò. “Chi può venire da quella parte?” La giovane non rispose. Tutti e due pensavano all’annegato, mentre un sudore freddo imperlava le loro tempie. Si rifugiarono in fondo alla camera, aspettando di vedersi aprire la porta da un istante all’altro e di sentire il cadavere di Camillo piombare sull’impiantito. […] Poi un miagolio si fece sentire. Lorenzo avvicinandosi riconobbe il gatto della signora Raquin che era stato chiuso per errore dentro la stanza e che ora cercava di uscire fregando le zampe sulla porta. Il gatto ebbe paura di Lorenzo; d’un balzo saltò sulla sedia, con il pelo erto, le gambe tese, guardando il nuovo padrone con uno sguardo crudele e fisso. Il giovane non amava i gatti. E quello, in particolare, quasi lo spaventava. In quel momento di febbre e di terrori credette che il gatto stesse per balzargli contro per vendicare Camillo. Quella bestia doveva indubbiamente conoscere ogni cosa: aveva dei pensieri nei suoi occhi rotondi, stranamente dilatati. […] “Camillo è certo entrato in questo gatto”, pensò “Bisogna che uccida questa bestia… Ha l’aria di una persona.” Non gli diede un calcio nel timore di sentire il gatto parlare con la voce di Camillo. Poi si ricordò delle frasi scherzose dette da Teresa al tempo dei loro amori, quando avevano testimoni dei loro baci proprio il gatto. Allora pensò che questa bestia sapeva ormai troppe cose e che sarebbe stato forse meglio farle fare un volo dalla finestra. Ma non ebbe il coraggio di attuare il suo proposito. Il gatto persisteva nel suo atteggiamento bellicoso: con le unghie completamente erette, il dorso curvo e fremente di irritazione, osservava minuziosamente i movimenti del suo avversario. Lorenzo fu turbato dal lampeggiare metallico di quello sguardo e si affretto ad aprire la porta della sala da pranzo; il gatto sgattaiolò fuori emettendo un acuto miagolio.

 

Teresa Raquin – Emile Zola

 

Attenti ai gatti… possono conoscere i vostri segreti!




permalink | inviato da il 18/12/2006 alle 9:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (26) | Versione per la stampa
sfoglia
novembre        gennaio